Cromoterapia: cos’è, come si fa, significato dei colori





Tutto intorno a noi è luce, colore, energia. Personalmente non potrei fare a meno del colore nella mia vita, quando dipingo, quando mi trovo a passeggiare in un parco pieno di fiori coloratissimi, i colori mi mettono di buon umore, in qualche modo mi influenzano.

A volte mi rendo conto di aver proprio bisogno della luce del sole, del suo calore sulla pelle, e mi sento fortunatissima a poter godere a pieno di ciò che questo pianeta meraviglioso e pieno di colore ha da offrirmi ogni giorno.

 

Cos’è la cromoterapia





La cromoterapia è la terapia dei colori. Siamo circondati da colori, in ogni momento, essi ci aiutano a farci sentire bene quando li indossiamo, ci appagano quando li utilizziamo per esprimerci attraverso il disegno o la pittura, ci rallegrano quando il paesaggio cambia intorno a noi e arriva la bella stagione.

Pensate a voi stessi, al vostro umore in una giornata uggiosa qualsiasi, pensate alla differenza quando invece il sole è alto e caldo, quando gli alberi intorno a voi fioriscono ed il è cielo azzurro, infinito.

Non fatico a credere che in effetti, sebbene la cromoterapia sia un tipo di medicina non convenzionale e senza alcun fondamento scientifico, questa possa essere davvero utile in qualche modo anche solo ad aiutarci ad avere un umore più sereno.

La cromoterapia ha radici molto profonde nella storia. Pare che nell’Antico Egitto e nell’Antica Grecia venissero utilizzati minerali, pietre, pigmenti colorati e unguenti, che le pareti dei luoghi di cura venissero colorate per aiutare i pazienti a guarire. Per non parlare del fatto che pare praticassero l’elioterapia, la terapia del sole, e che facessero quindi lunghi bagni di sole al fine di curare o alleviare malattie come la depressione.

Anche in Oriente i colori venivano utilizzati come rimedio contro alcuni disturbi dell’organismo. Dall’equilibrio dei chakra nella medicina ayurvedica indiana alla cura di problemi intestinali o attacchi epilettici in Cina.

La comunità scientifica ha da sempre contestato l’efficacia della cromoterapia, la quale non deve essere sostituita alla medicina convenzionale soprattutto nel caso di gravi patologie.

Prendersi cura di se stessi a livello fisico, mentale ed energetico sperimentando qualcosa di diverso, non significa ignorare i progressi che la scienza medica ha fatto fino ad ora e mettere a rischio la propria salute.

Detto ciò, proviamo a vedere nel dettaglio come ogni singolo colore può aiutarci nel quotidiano.

 

Significato dei colori





Tutti i colori che la cromoterapia studia hanno un significato e delle proprietà che possono aiutare il nostro organismo a ritrovare l’equilibrio:

  • Rosso: E’ il colore che viene associato alle passioni estreme dell’animo umano, all’amore intenso, alla guerra, al sangue e al fuoco. Pare che abbia la capacità di aumentare i battiti cardiaci e alzare la pressione del sangue. E’ il colore della forza, un colore estroverso, attivo. Il rosso è un colore che rende più loquaci, aiuta a combattere la stanchezza e l’apatia. E’ indicato dal punto di vista psicologico per curare stati depressivi. Mentre dal punto di vista fisico viene utilizzato per curare disturbi della gola quali tosse cronica, asma o malattie da raffreddamento.
  • Blu: Simbolo di calma, di relax. Viene considerato il colore della pace, è il colore del mare, del cielo, dell’infinito e della profondità. In antitesi con il rosso, il colore blu ha la capacità di rallentare i battiti cardiaci e di abbassare la pressione del sangue. Rappresenta la calma interiore, l’appagamento, un colore che aiuta a risvegliare la sensibilità, che ricerca l’armonia ma che allo stesso tempo può accompagnarsi a sentimenti di tristezza, depressione o angoscia. Il blu è il colore della spiritualità. Dal punto di vista fisico si usa per curare gli stati febbrili, i pruriti, le coliche, lo stress, l’insonnia, il mal di denti, disturbi renali o mestruali, palpitazioni cardiache o ulcera gastrica.
  • Verde: Il verde si trova al centro, tra i colori freddi ed i colori caldi. Rappresenta l’equilibrio, l’armonia, la pazienza, la stabilità e la perseveranza. Il colore della natura, è un simbolo di rinnovamento, di vita e di speranza. Aiuta a disintossicare e a decongestionare l’organismo. Porta equilibrio sia dal punto di vista fisico che mentale, aiuta ad alleviare l’ansia e lo stress. Fa bene contro il mal di testa, febbre, insonnia, ipertiroidismo e nervosismo. Il verde è un colore utile a chi si trova sotto pressione, a chi ha bisogno di ritrovare l’equilibrio, a chi vive in costante iperattività per rallentare un po’ il ritmo.
  • Giallo: il simbolo della luce, del sole, del calore. Un colore vivace e dinamico. E’ un colore estremamente energetico, molto espansivo, viene associato caratterialmente a coloro che non sanno bene come incanalare le proprie energie, gli amanti del giallo hanno continua voglia di cambiamento. Il giallo è il colore della spontaneità e della creatività. Dal punto di vista psicologico, il giallo aiuta ad allontanare la negatività, stimola l’attenzione e la capacità di apprendimento. Dal punto di vista fisico, il giallo viene usato per combattere i disturbi alimentari, pare che questo colore abbia la capacità di stimolare l’appetito e aiuta ad eliminare le tossine attraverso intestino e fegato. Sconsigliato a chi soffre di eccessivo nervosismo o irritabilità.
  • Arancione: Si ottiene mescolando il rosso ed il giallo, è molto utile contro la depressione. L’arancione è un colore che aiuta a liberarsi dalle inibizioni, dalle frustrazioni. I monaci buddisti del tibet indossano un saio arancione perchè pare che questo colore aiuti a trovare la concentrazione e favorisca così il distacco dalle passioni terrene. Questo colore pare sia molto d’aiuto nel caso in cui ci si senta bloccati, ad un punto morto della propria vita. L’arancione ricarica dalla stanchezza, aiuta a combattere lo stress, stimola la pressione arteriosa e aiuta contro l’asma allergica.
  • Viola: A metà tra il rosso ed il blu troviamo tantissime sfumature di viola. Il colore della magia, della spiritualità, della passione, dell’intelligenza, dell’amore ma anche della saggezza. A livello psicologico aiuta a stimolare la fantasia, e la spiritualità, mentre a livello fisico aiuta con i disturbi della pelle, quali ad esempio l’acne. Aiuta a rilassare i muscoli e i nervi, e a regolare l’appetito.
  • Indaco: Anche l’indaco aiuta nelle pratiche meditative e stimola la spiritualità. E’ un colore che nasce dall’incontro del blu e del viola e rappresenta il nostro contatto con quelle che sono le nostre capacità interiori. E’ un colore che ha un forte potere rilassante. A livello fisico aiuta a risolvere i problemi legati ai nostri cinque sensi, aiuta a curare la febbre, il calore eccessivo del nostro corpo dovuto a menopausa o insolazioni. Un contatto eccessivo con il colore indaco può portare a incubi, allucinazioni.
  • Nero: E’ il colore dell’origine, il caos subito precedente all’inizio. Assenza di luce, di colore, di speranza e di vita. Il nero è un colore che simboleggia qualcosa di negativo, la morte, il lutto, la negatività. Se indossato impedisce ai colori di penetrare e quindi blocca a livello energetico gli scambi con l’esterno. Agli alimenti di colore nero vengono attribuite proprietà antiossidanti utili a prevenire malattie come il cancro, ma anche problemi al cuore.

 

Cromoterapia: come si fa





Abbiamo visto le proprietà di ogni colore usato nella cromoterapia e sappiamo che possiamo entrare in contatto con i colori indossandoli, ingerendoli attraverso il cibo o possiamo entrare in contatto con essi attraverso la luce diretta. Ma non solo, possiamo sfruttare la cromoterapia in casa individuando quei colori che possono aiutarci a riportare il nostro corpo al suo naturale equilibrio, con l’oggettistica, l’arredamento, il colore delle pareti.

Ad esempio le pareti della mia casa sono verdi, di un verde tenue per nulla invadente, ed ho sempre avuto la sensazione che al suo interno ci fosse un’energia diversa, pacifica, rilassante. Solo dopo ho scoperto il potere del colore verde e le sue proprietà e mi è stato possibile dare una spiegazione al modo in cui questa casa mi ha fatto sentire da subito. Quando studiavo all’università avevo fatto dipingere le pareti della mia vecchia stanza di azzurro e viola, i miei colori preferiti e ricordo con piacere la sensazione di pace che mi dava guardarmi intorno.

I colori trasmettono emozioni al nostro cervello in maniera istantanea, è quindi importante arredare la nostra casa in modo da prendere il meglio che questi hanno da offrirci.
Il rosso, il giallo o l’arancio per stimolarci e attivarci, il blu per rilassare la mente, il verde per riequilibrare l’organismo e allontanare lo stress.

Un ottimo modo per entrare in contatto con i colori e quindi assorbirne tutta l’energia necessaria è provare la cromoterapia nella doccia, niente meglio di uno dei momenti più rilassanti della nostra giornata per aiutare il nostro organismo a ritrovare equilibrio. La luce emessa dai led integrati nel soffione della doccia, comunemente chiamata “cipolla”, permette di trasformare il getto d’acqua in un veicolo di colore e di luce.

Praticamente la luce colorata agisce sugli atomi contenuti nelle cellule del nostro corpo. L’oscillazione dei vari colori agisce a livello energetico aiutando il nostro organismo (inteso come corpo e mente) a ritrovare l’equilibrio di cui ha necessità.

Questo tipo di docce sono dotate di diversi programmi, per cui possiamo scegliere il tipo di luce in base a quello di cui abbiamo più bisogno. Ad esempio, un programma rigenerante, in cui i toni caldi del rosso, del giallo e dell’arancio la fanno da padroni aiutandoci ad attivarci è consigliato al mattino appena svegli, per iniziare la giornata con il giusto spirito e la giusta energia. La sera, dopo una lunga giornata di lavoro, è meglio utilizzare luci più fredde, per rilassare i muscoli, allontanare lo stress, favorire il sonno.

Per non relegare la bellezza, la suggestione e l’utilità dei colori ad una sola stanza, possiamo anche acquistare delle lampade da sistemare in diverse aree della nostra casa, non necessariamente solo in una.

Ci sono diversi tipi di lampade cromoterapiche che variano in base alla forma, al tipo di programmazione e ovviamente al costo.

Si parte da poche decine di euro fino a cifre decisamente non alla portata di tutti, ma non è necessario spendere cifre proibitive.

 

Benefici della cromoterapia: conclusioni

Sebbene non ci sia niente di scientificamente provato che sostenga la cromoterapia come medicina, la terapia dei colori è senza dubbio in grado di avere un impatto quantomeno sul nostro umore.

Pensate alla differenza tra chi vive in città calde e assolate e chi invece vive in città nordiche, dove fa buio presto e per lunghi periodi il sole non è che un ricordo. Il nostro corpo e la nostra mente hanno bisogno di luce, di energia per ricaricarsi e funzionare al meglio.  Qui a Londra, quando le giornate cominciano ad allungarsi e fa buio verso le 21.30, il nostro modo di percepire e di vivere le giornate cambia radicalmente. Tutto si illumina, il cielo è finalmente blu ed il sole riscalda tutti rendendoci più vivaci, socievoli e decisamente più felici.

Non a caso la tecnologia ci ha portati ad creare dei sistemi di illuminazione in grado di riprodurre articialmente la luce del sole, affichè per il nostro organismo sia possibile produrre Vitamina D e godere dei benefici della natura anche stando comodamente nel salotto di casa.

Provare per credere!

 

 

Send a Comment

Your email address will not be published.